Wednesday - Oct 18, 2017
Home » Candele Giapponesi – CandleStick » Introduzione alle Candele Giapponesi

Introduzione alle Candele Giapponesi

Introduzione ai candlestick. Cosa sono, come di disegnano.

L’analisi Candlestick è la metodologia di studio dei movimenti dei prezzi più antica e, attualmente, una delle più utilizzate al mondo.

Si ritiene che le origini del candlestick vadano collocate tra il XVII ed il XVIII secolo nel Giappone, dove questa tecnica veniva impiegata nella speculazione sulle contrattazioni del riso nel mercato dei contratti a termine (i futures).

Oggi l’analisi Candlestick è impiegata a qualsiasi forma di analisi tecnica fornendo indicazioni operative uniche nel loro genere. Viene utilizzata nelle rilevazioni intraday, nei grafici giornalieri o settimanali senza che per questo venga meno la potenza previsionale del segnale.

Vediamo come si disegna una candlestick: prima di tutto abbiamo bisogno di 4 dati:

  • l’apertura
  • la chiusura
  • il minimo
  • il massimo

La figura che esce fuori da questi quattro dati è chiamata candle-line ed è formata da un corpo centrale chiamato real-body e da due appendici collegate chiamate shadows (ombre), e rispettivamente upper shadow per quella superiore e lower shadow per quella inferiore.

Gli estremi della figura sono dati dal prezzo minimo e da quello massimo, mentre il real-body si ottiene dalla differenza tra il prezzo di chiusura e quello di apertura. Se la chiusura risulta essere superiore all’apertura allora avremo un rettangolo bianco, mentre se la chiusura risulta essere inferiore all’apertura il real-body sarà nero.

La prima distinzione da fare è tra candele bianche, nelle quali la chiusura è maggiore dell’apertura (superiore forza della domanda e sentiment rialzista), e nere (superiore forza dell’offerta e sentiment ribassista), nelle quali il prezzo di chiusura è inferiore a quello di apertura. La successiva distinzione avviene per dimensione del real body, ora vedremo le varie candele che si individueranno in conseguenza all’ampiezza del realbody.

Long black line / Long white line

Questa candle-line ha il range tra l’apertura e la chiusura molto ampio. Le Long Lines sono molto utili per confermare i reversal patterns; se, ad esempio, un segnale d’inversione si incontra ai massimi di un uptrend, confermato da una long black candle, la probabilità che la fase rialzista del prezzo sia terminata è alta. Di conseguenza una long white line invece può dare chiari segnali d’inversione in una fase di mercato ribassista.

L’ampiezza del range non va considerata in senso assoluto, ma va messa in relazione alla media dei range (distanza fra apertura e chiusura) nella serie storica osservata. Per esempio, se in un mercato l’ampiezza media è di 100 punti, un range piuttosto elevato può riguardare un valore pari a 250 punti, mentre in un mercato dove il range medio osservato è di 50 punti, una candela di 30 punti di range non può essere certamente una long black (o white) line.

Short black line / Short white line

Quando ci troviamo di fronte a delle short line significa chi il titolo si trova in una fase di congestione del prezzo, quindi non c’è molta direzionalità ma incertezza.

Una short line è facile da riconoscere in quanto è piccola e ben bilanciata, cioè la upper shadow così come la lower shadow e il real-body hanno circa la stessa lunghezza.

Long black / white marubozu line

Le Marubozu line, le più potenti, sono candele simili alle long, ma si differenziano da queste perché sono sprovviste delle upper e lower shadows. Ciò significa che hanno la chiusura e l’apertura dei prezzi corrisponde ai valori estremi.
Trovare una Marubozu line in un grafico da un segnale fortemente rialzista o ribassista a seconda del colore che la candela ha. Chiaramente una black marubozu è negativa, mentre una white marubozu è positiva. Le marubozu line danno spesso la conferma ad un reversal pattern.

Long black / white opening bozu line

Come la marubozu line, manca dell’upper-shadow, ma possiede la lower shadow. Hanno lo stesso significato delle marobozu line anche se con minor forza.

Long black / white closing bozu line

Questa candela manca della lower shadow e possiede upper shadow e real-body; Hanno lo stesso significato delle marobozu line anche se con minor forza.

Spinning Top

Quando si trova questo tipo di candele ci troviamo di fronte ad una forte indecisione del mercato, in particolar modo se si trovano nella parte superiore di un trend. Come regola generale, quanto più lunghe sono le shadows, tanto più grande è il senso d’indecisione del mercato. In queste figure caratterizzate da un piccolo real-body (spinning top) o addirittura da real body assente (doji line), il colore del corpo è poco significativo, ma è significativo il fatto che generalmente si posizioni nella parte centrale della figura. In questo caso il segnale di indecisione è più forte.

Lower Shadows

Le lower shadow bianche e nere rappresentano una fase di indecisione del mercato, sono particolarmente idonee a descrivere movimenti congestionati dei prezzi. Quando la lower shadow è particolarmente lunga, prescindendo dal colore del real body, la candela assume una forte caratteristica d’inversione (hanging man o hammer) che vedremo nelle lezioni successive.

Upper Shadows

Queste figure diventano molto forti come segnali d’inversione quando la lunghezza della upper shadow è rilevante, altrimenti sono espressione di un mercato non direzionale: non contengono implicazioni di tendenze rialziste o ribassiste del prezzo.

Doji lines

La Doji è una delle candele più importanti, sia vista da sola che come completamento di pattern di inversione.

Questa candela ha la particolarità di avere il prezzo di apertura coincidente con quello di chiusura e quindi manca del corpo centrale, o comunque il real-body è minimo e quindi è considerato irrilevante. La lunghezza dell’ombra superiore e inferiore può variare e così la candela può prendere la forma di una croce o di una croce invertita.

Una Doji indica un senso di indecisione fra i compratori ed i venditori e cioè che nessuna delle due categorie di operatori ha avuto il predominio.

Per individuare una Doji è bene confrontarla con le candele precedenti, in quanto in una situazione in cui le candele precedenti sono piccole la Doji non trova molta importanza, invece in occasione di candele molto lunghe la Doji da un buon segnale di indecisione.

Forme particolari dei Doji sono la Dragonfly Doji e la Gravestone Doji che vedremo nella lezione successiva.