Wednesday - May 24, 2017
Home » Notizie Economiche » Analisi Tecnica » L’Analisi Tecnica nel Forex e la sua Importanza per i Traders

L’Analisi Tecnica nel Forex e la sua Importanza per i Traders


Stacks of coins with the word FOREX isolated on white

Quando si tratta di decidere, nel mondo del forex, è sempre bene sentire due campane: ovvero l’analisi fondamentale e quella tecnica, in questo articolo ci concentreremo su quella tecnica.

 

L’analisi tecnica sfrutta praticamente il comportamento passato dei prezzi per creare dei segnali nel forex trading. C’è da ricordarsi che le posizioni fatte con l’analisi tecnica possono durare qualche ora oppure giorni, sono delle posizioni destinate a rimanere sul breve termine.

 

Identificare i trend di mercato

Sapete già, se ci seguite, che ogni investimento fatto nel forex deve evitare qualsiasi valutazione spannometrica. Anche se non esiste una teoria oggettiva in grado di anticipare l’andamento futuro del mercato, ci sono degli indicatori che si possono utilizzare per ottimizzare le opportunità di guadagno.

 

Uno di questi consiste nello studio dei trend. Per una panoramica completa sugli indicatori da usare nell’analisi tecnica vi consiglio di visitare http://www.comefaretradingonline.com/analisi-tecnica/ dove potrete trovare una spiegazione esauriente di tutte le possibilità che si hanno. La cosiddetta trend analysis è basata su un concetto fondamentale e cioè che il futuro possa ripetersi in modo simile a quanto avvenuto nel passato. Questo permette di fare delle semplici previsioni sul futuro andamento di cross valutari e capire se il valore tenderà al rialzo o resterà confinato lateralmente.

 

Generalmente un trend rialzista si concretizza quando le quotazioni delle valute presentano un andamento dei minimi o dei massimi in crescita. Al contrario avremo dei trend al ribasso. Un trend laterale invece forma dei canali di prezzo dati da un massimo ed un minimo entro i quali le quotazioni rimangono per un periodo abbastanza lungo.

 

Una ulteriore suddivisione è possibile farla in base al periodo : possiamo avere infatti trend di lungo, medio e breve periodo. Valutare la dimensione temporale può essere molto utile ai fini di anticipare momenti critici che si dovessero presentare o eventuali inversioni nella tendenza.

Concretamente un trader è più facilitato nel suo compito quando i trend sono robusti e ben definiti indipendentemente dalle direzioni e ben delineati su un arco temporale medio lungo.

 

Utilizzare i grafici e le regole per fare trading con l’Analisi Tecnica

 

L’analisi tecnica utilizza strumenti come i grafici e delle regole meccaniche per distinguere i trend da semplici fluttuazioni a breve termine. Studiare un grafico significa visualizzare il prezzo del mercato nel tempo, prevedendo pattern futuri sulla base dei prezzi passati. Delle regole prestabilite, associate a questi indicatori tecnici, servono per eseguire con freddezza le funzioni matematiche che ci permetteranno di aprire delle posizioni sui mercati.

 

Analisi del grafico

 

Il cosidetto “Charting”, è praticamente l’analisi del grafico, dove andremo ad analizzare i vari supporti e resistenze ma anche i picchi e i minimi del cross. Il valore più alto in un grafico è chiamato massimo, il valore di prezzo minimo in un grafico è chiamato minimo. I supporti sono quei valori dove il prezzo si è avvicinato per poi rimbalzare verso l’alto, le resistenze invece sono quei valori di prezzo dove il cross si è avvicinato, per poi rintracciare verso il basso.

 

In quanto forex trader, è regola non scritta quella di comprare una valuta che si trova un uptrend, questo uptrend è ovviamente visibile dal grafico. Stessa cosa vale per un downtrend, solo che un movimento ribassista andrà affrontato (per essere profittevoli) andando a shortare il mercato. Quindi: long (BUY) nei movimenti rialzisti, e short (SELL) nei movimenti ribassisti.

 

Le regole meccaniche nel trading

 

Quella di seguire delle regole meccaniche ben precise è una di quelle forme più coerenti e rigide di analisi tecnica. Si cerca di evitare quindi la soggettività dei grafici, lasciando ben poco spazio all’interpretazione personale. Le regole meccaniche utilizzano delle funzioni matematiche per cercare le tendenze, i trend. I trader nel Forex seguono generalmente questi trend.

 

Una regola meccanica usata nel trading, è la “Regola del Filtro” che suggerisce di comprare una determinata coppia di valute quando questa cresce più dello x % rispetto il suo minimo precedente. Stessa cosa vale per vendere una coppia di valute che è caduta dello x % rispetto al suo precedente massimo. La regola del filtro varia in genere tra lo 0.5% e il 3% ed è usata da tantissimi traders professionisti, in quanto consente di sfruttare dei rintracciamenti quasi sicuri dovuti al comportamento passato del cross.